Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Il sale sulla coda

A MUSA, museo del sale di Cervia dal 24 luglio al 20 agosto esposizione fotografica “Il sale sulla coda” con immagini di Roberto Sauli

Perché "Il sale sulla coda" ?
Il titolo deriva da vecchi modi di dire e da un proverbio che allude a un fantastico sistema per catturare un animale: quando una persona o un animale e' inafferrabile, scherzosamente si dice
che per prenderlo bisogna mettergli “il sale sulla coda”...!! 

“Filosofia” della fotografia naturalistica per Roberto Sauli
Cogliere la bellezza e le armonie della natura, senza esasperazioni tecniche, ma comunque con immagini di qualità. Piacere e soddisfazione di fotografare, derivate dal guardare i soggetti attraverso il mirino della fotocamera, evitando, per quanto possibile, ogni interferenza con la vita degli animali. Questa è per me la "fotografia naturalistica ", con la speranza di poter trasmettere, almeno in parte, le emozioni e le sensazioni provate al momento dello scatto.

Come fotografo (x mostra “Il sale sulla coda”)

Molti dei soggetti e delle situazioni ritratte nelle immagini della mostra possono essere visti abbastanza facilmente da qualsiasi visitatore di questi ambienti, anche se spesso da notevole
distanza e tramite un binocolo.
Da qui a riuscire ad ottenere fotografie interessanti occorrono tanta passione e tanta tanta pazienza, doti indispensabili per praticare questo genere di riprese.

Senza scendere in particolari, voglio solo dire che l'attrezzatura usata è ridotta all'essenziale: apparecchio fotografico, obiettivo (spesso... teleobiettivo), treppiedi e talvolta un nascondiglio.
Raramente utilizzo altri congegni. L'uso di apparecchiature come trappole fotografiche e comandi a distanza non mi danno molta soddisfazione, pur riconoscendo che consentono la realizzazione di immagini altrimenti impossibili.
Infatti essendo “nato” come fotoamatore, per poi diventare fotografo di natura, ho mantenuto il piacere ed il gusto di fotografare guardando il soggetto attraverso il mirino della fotocamera.

Roberto Sauli

Chiudi menu
Informazioni turistiche