Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Cantagiro, il Giro d'Italia della canzone negli scatti di Sante Crepaldi

Da Gianni Morandi a Piero Focaccia, da Gino Paoli a Little Tony

La sera del 30 giugno 1964 a Cervia arriva il Cantagiro

Adriano Celentano ospite - Ph. Sante CrepaldiNegli anni 60 era una delle manifestazioni più popolari, che cavalcò alla grande il boom economico che il Paese stava vivendo; ideata da Ezio Radaelli era un vero e proprio Giro d’Italia della canzone che toccava tutta la Penisola. Gli artisti venivano giudicati in ogni tappa da una giuria scelta tra il pubblico, c’era un vincitore per ogni città e nella serata finale veniva proclamato il numero uno.

Nel 1964 vinse per il girone A (quello degli artisti più famosi) un giovanissimo Gianni Morandi con “In ginocchio da te” e per il girone B (le nuove proposte canore) Paolo Mosca con “La Voglia dell’estate”. Per l’eterno ragazzo quel trionfo contribuì a imprimere una prima svolta alla sua carriera. In piazza Garibaldi quella sera del 1964 cantarono tra gli altri il cervese Piero Focaccia (“Mia sorella”), ventenne, famoso grazie anche alla canzone ”Stessa spiaggia, stesso mare” del 1963, Little Tony (“Non aspetto nessuno”), Nicola Di Bari (“Amore ritorna a casa”), I Gemelli (“Forza amici, tutti qui”), Gino Paoli (“Lei sta con te”), osannati da un pubblico numerosissimo. Fuori gara, presero parte alla serata Peppino di Capri (in qualità di vincitore dell'anno prima), Domenico Modugno ed Adriano Celentano con il clan al gran completo: Don Backy, Gino Santercole ed il complessi I Ribelli e I Fuggiaschi.

I cantanti arrivarono a Cervia su modernissime auto decapottabili e davanti al Grand Hotel, sul lungomare, si fermarono a firmare autografi tra la folla immersi tra i cartelloni degli sponsor dell’evento. Ero lo spirito del Cantagiro, pensato per avvicinare il più possibile il mondo della canzone alla gente, visto che i grandi mezzi di comunicazione di massa non erano ancora diffusi. E quella carovana colorata che attraversava l’Italia era una novità assoluta per una manifestazione e fonte di divertimento: ad ogni tappa venivano allestiti spazi dove chiunque poteva ascoltare dischi o scattare foto agli artisti, senza nessun divieto. Dopo gli anni 60 e 70, la manifestazione continuò a singhiozzo, ma le nuove edizioni non furono mai all’altezza delle prime.

Adriano Celentano - Ph. Sante Crepaldi

Adriano Celentano

30 Giugno 1964

 

Nell'edizione del 1964, partecipò come ospite fuori concorso Adriano Celentano con il clan al gran completo: Don Backy, Gino Santercole ed i complessi “I Ribelli” e “I Fuggiaschi”. Eccolo davanti alla classifica del girone A durante un’esibizione sul palco.

 

 

 

 

 

Donatella Moretti - Ph. Sante Crepaldi

Donatella Moretti

30 Giugno 1964

 

Donatella Moretti in gara nel 64 con “la Legge dell’amore”. L’artista aveva partecipato quasi per caso al Cantagiro del 1962 nel girone B, dedicato agli esordienti, uscendone vittoriosa (ottenendo il terzo posto nella classifica generale) senza aver ancora inciso il brano in concorso “L’abbraccio".

 

 

Edoardo Vianello - Ph. Sante Crepaldi

Edoardo Vianello

30 Giugno 1964

 

Dopo lo straordinario e indimenticato successo de “I Watussi” al Cantagiro del 1963 e di “Abbronzatissima”, Edoardo Vianello fu protagonista dell’edizione dell’anno successivo con “La Tremarella”. I suoi brani, ritmati e di grandissimo successo commerciale, fecero da colonna sonora degli anni ‘60.

 

 

 

 

 

 

I Gemelli - Ph. Sante Crepaldi

I gemelli

30 Giugno 1964

 

Sul palco nel Girone B, dedicato alle nuove proposte canore, anche il gruppo beat i Gemelli con l’allegra canzone “Forza Amici, Tutti qui”.

 

 

Gino Paoli - Ph. Sante Crepaldi

Gino Paoli

30 Giugno 1964

 

Trionfatore morale del Cantagiro del 1963 con la canzone “Sapore di sale” , indiscusso simbolo degli anni ‘60 giunto immutato sino ai giorni nostri, Gino Paoli gareggiò all'edizione del 1964 con “Lei sta con te”, reinterpretazione di “Your other love”, successo dell’anno precedente della nota cantante statunitense di origini italo americane Connie Francis.

 

 

 

 

 

Mix di generi - Ph. Sante Crepaldi

Mix di generi

30 Giugno 1964

 

Ezio Radaelli, ideatore dell’evento, non limitò i generi musicali che potevano competere, difatti scelse di comprendere nel novero dei cantanti gli specialisti di tutti i generi: dal melodico allo swing, dall'urlatore al confidenziale, dal dialettale al cantautore, così da poter catturare segmenti di pubblico diversi.

 

 

Autografi in auto - Ph. Sante Crepaldi

Autografi in auto

30 Giugno 1964

 

Una delle particolarità del Cantagiro e del suo successo in quegli anni fu quella di portare in ogni dove, anche nelle città più piccole, le sue edizioni per permettere ai cantanti di firmare autografi e vendere dischi.

 

 

 

 

 

 

Giuria popolare - Ph. Sante Crepaldi

Giuria popolare

30 Giugno 1964

 

Uno dei punti di forza di questa kermesse itinerante stava nella scelta di una giuria popolare per decretare il vincitore ad ogni tappa: ogni sera cinquanta persone esprimevano il loro voto con le apposite palette.

 

 

Gianni Morandi, incontro coi fan - Ph. Sante Crepaldi

Gianni Morandi, l'incontro con i fans

30 Giugno 1964

 

Una lunga carovana di automobili con a bordo cantanti, tecnici, parenti e addetti ai lavori, percorreva le strade d’Italia, fermandosi per le città e i luoghi dove si disputava la gara fra i cantanti. Gianni Morandi, giovanissimo, di fronte al Grand Hotel di Cervia, tappa dell’incontro con i fans.

 

 

 

 

 

Pippo Baudo e Gorni Kramer presentatori - Ph. Sante Crepaldi

Pippo Baudo e Gorni Kramer presentatori

30 Giugno 1864

 

A presentare l’edizione di quell’anno Pippo Baudo con Gorni Kramer, direttore dell’orchestra, che per l’occasione allestì una formazione di dodici elementi: pianoforte, batteria, chitarra elettrica, basso, 3 trombe, 2 tromboni, 3 sassofoni.

 

 

L'arrivo di Roby Ferrante - Ph. Sante Crepaldi

L'arrivo di Roby Ferrante

30 Giugno 1964

 

Il Cantagiro permetteva a tutti i cittadini di poter salutare i propri cantanti preferiti, cosa resa ancor più suggestiva dal fatto che gli artisti in gara erano obbligati ad arrivare con una macchina scoperta all’interno della città dove la sera si sarebbe poi svolto lo spettacolo. Ecco l’arrivo di Roby Ferrante (quell’anno cantava “Non ti ricordi più”).

 

 

 

 

 

Gianni Morandi - Ph. Sante Crepaldi

Gianni Morandi

30 giugno 1964

 

Gianni Morandi, appena ventenne ma già popolarissimo, fu vincitore del Girone A con “In ginocchio da te” (nel Girone B vinse Paolo Mosca con “La voglia dell’Estate”). Morandi trionfò in due edizioni del Cantagiro: nell’edizione del 1966 arrivò primo con “Notte di ferragosto”.

 

 

Domenico Modugno - Ph. Sante Crepaldi

Domenico Modugno

30 Giugno 1964

 

Per Domenico Modugno, al cui passaggio riecheggiava già « Volare... oh oh... cantare... oh oh oh oh... nel blu, dipinto di blu, felice di stare lassù» del 1958, fu inventata in occasione di questa edizione la qualifica di “padrino del girone B”, quella delle nuove proposte, e partecipò in qualità di ospite d’onore. Assicurarsi la presenza di cantanti illustri e già noti fu una delle idee vincenti di Radaelli.

 

 

 

 

 

Adriano Celentano - Ph. Sante Crepaldi

Adriano Celentano ospite

30 Giugno 1964

 

Adriano Celentano fu il vincitore nel1962 della prima edizione del Cantagiro con “Stai lontana da me”, versione italiana di “Tower of strenght” firmata da Bacharach e portata al successo nel 1961 negli Stati Uniti da Gene McDaniels. Nel 1964 partecipò come ospite.

 

 

Piero Focaccia - Ph. Sante Crepaldi

Piero Focaccia

30 Giugno 1964

 

L’insolito e originale modo di arrivare su automobili aperte per entrare a contatto con i fans che potevano così esprime già prima della gara l’affetto verso i loro idoli coinvolse anche il cervese Piero Focaccia, già noto per il successo de “Stessa spiaggia stesso mare” del 1963, in gara nel ’64 con “Mia sorella”.

 

 

 

 

 

 

Gianni Morandi e la folla dei fan - Ph. Sante Crepaldi

Gianni Morandi e la folla dei fans

30 Giugno 1964

 

Il Cantagiro conquistò il cuore degli italiani per via della gioia e dello spettacolo che portava di piazza in piazza. Per la prima volta non si parlava di canzoni, ma di cantanti; erano loro i protagonisti, erano loro a scegliere il pezzo, ed erano loro infine ad essere votati. Ecco Gianni Morandi circondato da una folla di fans.

 

 

Il Cantagiro in diretta - Ph. Sante Crepaldi

Il Cantagiro in diretta

30 Giugno 1964

 

La splendida cornice di Piazza Garibaldi. Intorno al Cantagiro si creò così grande entusiasmo e fermento, tanto che la Rai concesse già dalla prima edizione ciò che aveva appena negato al Festival di Sanremo, ovvero la diretta delle due serate finali in Eurovisione.

 

 

 

 

 

Little Tony - Ph. Sante Crepaldi

Little Tony

30 Giugno 1964

 

Little Tony, già uno dei protagonisti nel 1963 del film ispirato al Cantagiro “Urlo contro melodia nel Cantagiro”, salì sul palco nel 1964 con “Non aspetto nessuno”, canzone con la quale riscosse un buon successo estivo insieme al retro del 45 giri “La fine di agosto”. Rimane indimenticato interprete di numerosi successi come “Cuore matto” e “Riderà”.

 

 

 

Peppino di Capri - Ph. Sante Crepaldi

Peppino di Capri

30 Giugno 1964

 

Vincitore dell’edizione del 1963 per il girone A, dedicato agli artisti famosi, con “Non ti credo”, Peppino di Capri partecipò come ospite all'edizione del 1964. Nello stesso anno debuttò alla prima edizione di Un disco per l’estate con la canzone “Solo due righe”, classificandosi al quarto posto.

 

 

 

 

 

Pino Donaggio - Ph. Sante Crepaldi

Pino Donaggio

30 Giugno 1964

 

Pino Donaggio portò sul palco del Cantagiro nel 1964 “Capirai”, canzone con la quale incassò un discreto successo, ma la vera consacrazione internazionale arrivò l’anno successivo all’edizione del Festival di Sanremo con “Io che non vivo senza te”, che nella sua versione in inglese “You Don’t Have to Say You Love Me”, interpretata da Dusty Springfield fece il giro del mondo, tanto da entrare nel repertorio anche di Elvis Presley.

 

 

 

 

 

Non fu facile fotografare i cantanti durante l’esibizione perché il palco era molto alto e io potevo stare solo in basso.
Fu una serata bellissima e scattai numerose fotografie: anche se avevo con me due Rolleiflex, sono dovuto correre in negozio per prendere altri rullini.
Altrimenti avrei perso qualche artista.

-Sante Crepaldi

Cantagiro, il Giro d'Italia della canzone negli scatti di Sante Crepaldi


Dove possiamo ammirare queste immagini?


La mostra fotografica Cervia negli anni 60 e 70 è un'esposizione permanente di scatti del fotografo storico cervese, Sante Crepaldi.
8 sezioni tematiche allestite in diversi spazi comunali:

  • Costume e società, Residenza Municipale al secondo piano (Piazza Garibaldi 1)
  • Personaggi famosi e Cantagiro del 1964, Residenza Municipale al primo piano (Piazza Garibaldi 1)
  • Paesaggio e Manifestazioni ed eventi, al Servizio Anagrafe (Via Ressi 6)
  • Sposalizio del Mare, Cervia Informa (Viale Roma 33)
  • Traversata Pola-Cervia e Circuito motociclistico di Cervia-MilanoMarittima, Palazzina Uffici Tecnici (piazza XXV Aprile)

 

Testi e immagini a cura di Foto Sante Crepaldi

Chiudi menu
Informazioni turistiche