Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Costume e società degli anni 60-70, negli scatti di Sante Crepaldi

Feste e iniziative nell'età dell'oro

Sfilate di moda, orchestre e particolarissimi pranzi tra le onde che hanno reso Cervia una meta unica per le vacanze

Spaghettata tra le onde - Ph. Sante CrepaldiTra la fine degli anni 60 e i primi anni 70, Cervia e Milano Marittima erano animate da numerose iniziative, tutte all’insegna della Dolce Vita. Il marchio di fabbrica di un’Italia che viaggiava a mille all’ora. Tra i numeri uno del divertimento c’era Silvano Collina, un eccentrico albergatore che organizzava particolarissime feste per i suoi clienti: dal banchetto in mezzo al mare, coi camerieri che quasi nuotavano tra i tavoli apparecchiati a riva, a quelle in onore del campione di pugilato Nino Benvenuti, alla Corrida nella taverna dell’hotel Bellevue con tanto di “toro”, alle cene in stile veneziano, con gondole e gondolieri.

Anche il tedesco Rudy Neumann, diventato famoso in tutto il Paese per l’avventura dell’Isola delle Rose, proprietario dell’Hotel delle Nazioni, allestiva pittoreschi appuntamenti per i turisti, trasformando spesso la spiaggia in una sala da pranzo. Mitiche le spaghettate per decine di persone, sull'onda della musica di un complesso in cima a tutte le classifiche, The Showmen, diventato popolarissimo grazie al successo di “Un’ora sola ti vorrei”. Gli albergatori erano i motori della stagione turistica, facevano di tutto per accontentare i clienti contribuendo così, insieme con commercianti e bagnini, ad alimentare il mito dell’accoglienza in Romagna. Insomma, con il loro impegno e la loro fantasia spinsero la crescita di Cervia, lanciandola ai vertici delle realtà turistiche nazionali ed internazionali.

In piena estate, sulla sabbia, si tenevano anche sfilate di moda con ospiti famosi. A condurre le più frequentate era l’elegante Anna Mascolo. E Milano Marittima, invece, si riempiva di cortei di auto d'epoca oppure di sportivi che partecipavano ai tanti tornei di tennis e ai concorsi di equitazione.

Altro luogo di divertimento è stato il Giardino d’estate (locale del lungomare che nel tempo ha cambiato nomi e gestioni), ritrovo di vitelloni cervesi, sempre a caccia di giovani turiste straniere, un locale dove suonavano orchestre, sfilavano miss e i villeggianti si godevano le serate. Anche al Giardino d'estate venivano organizzate feste, molte goliardiche, da tutto esaurito, e non venivano dimenticati neanche i bambini: il giovedì pomeriggio era dedicato a loro. In pratica ce ne era per tutti i gusti, dalla mondanità al turismo tradizionale.

Pranzo tra le onde - Ph. Sante Crepaldi

Pranzo tra le onde

Anni '60

 

Oggi si prenota una cena a bordo piscina…ma allora per i clienti dell’Hotel Bellevue non era necessario. Ecco una delle più famose e suggestive iniziative dell’eclettico albergatore Silvano Collina. La ricetta era semplice ma vincente: servire il pranzo ai commensali comodamente seduti tra le onde del mare Adriatico

 

 

Sfilata auto e moto d'epoca - Ph. Sante Crepaldi

Sfilata di auto e moto d'epoca

Anni 60

 

All’epoca si organizzavano raduni e sfilate dei più bei modelli di auto d’epoca per le vie cittadine per offrire ai turisti, e in particolar modo agli appassionati del settore, la possibilità di poter ammirare da vicino i veicoli d’altri tempi.

 

 

Primo piano di auto d'epoca - Ph. Sante Crepaldi

Primo piano di auto d'epoca

Anni '60

 

Un’auto d’epoca in primo piano, circondata da una folla incuriosita. L’evento è in linea con quanto era ed è l’immagine di Cervia e di Milano Marittima, in bilico tra sport, intrattenimento e cultura.

 

 

 

 

 

Albergatore Silvano Collina - Ph. Sante Crepaldi

Albergatore Silvano Collina

Anni '60

 

L’albergatore Silvano Collina con l’acqua fino alle ginocchia ma vestito di tutto punto mentre presenta ai clienti stranieri il tradizionale piatto tipico italiano: “spaghetti al pomodoro”. I turisti rimasero affascinati da quella trovata.

 

 

Party in acqua - Ph. Sante Crepaldi

Party in acqua

Anni '60

 

I party in acqua erano caratterizzati da musica, divertimento, cocktail e apertivi preparati al momento dallo staff dell’hotel. Sono gli anni in cui la parola d’ordine è divertire i clienti, sono gli anni in cui nasce la movida di Milano Marittima.

 

 

 

 

 

Esibizione gruppo The Showmen - Ph. Sante Crepaldi

Gruppo "The Showmen"

Fine anni '60

 

Il gruppo The Showmen, protagonisti nel 1967 dell’estate musicale de La Pineta, tornarono a Milano Marittima dopo il successo di Sanremo “Un’ora sola ti vorrei” nel 1968 per una serata preceduta dalla celebre spaghettata in mare ideata dall’imprenditore tedesco Rudy Neumann.

 

 

 

 

 

Spaghettata tra le onde - Ph. Sante Crepaldi

Spaghettata tra le onde

Anni '60

 

Un particolare della laboriosa organizzazione delle spaghettate tra le onde del Mar Adriatico: i cuochi, gli aiuto cuochi e le cameriere pronti per servire l’insolito pranzo ai turisti.

 

 

 

 

 

 

Sfilata di moda sulla spiaggia - Ph. Sante Crepaldi

Sfilata di moda sulla spiaggia

Fine anni 60

 

Presentatrice d’eccezione, l’elegante e raffinata giornalista Anna Mascolo. Un gruppo musicale accompagnò lo svolgersi della sfilata delle nuove collezioni davanti ad un folto pubblico divertito.

 

 

Piattaforma isola delle rose - Ph. Sante Crepaldi

Piattaforma Isola delle Rose

Fine anni '60

 

Isola delle Rose (in esperanto Insulo de la Rozoj), fu il nome dato a una piattaforma artificiale, costruita dall’ingegnere bolognese Giorgio Rosa, di 400 metri quadrati che sorgeva nel mare Adriatico al largo delle coste dell’allora provincia di Forlì e a 500 metri al di fuori delle acque territoriali italiane. Deve la sua fama per essersi autoproclamata stato indipendente il 1° maggio 1968. Fitto rimane il mistero circa il suo vero utilizzo: gioco d’azzardo, prostituzione, baluardo per forze nemiche? Fu l’attrazione dell’estate 1968 ma fu presto occupata dalle forze di polizia e demolita nel febbraio 1969.

 

 

 

 

 

Rudy Neumann nell'isola delle rose - Ph. Sante Crepaldi

Rudy Neumann nell'isola delle rose

Fine anni '60

 

Oltre ad avere lingua (esperanto) e moneta propria, l’Isola delle Rose emise anche un certo numero di francobolli. Rudy Neumann, nominato per la Germania “ambasciatore” dell’Isola delle Rose, mentre acquista i francobolli dello Stato Libero (quei francobolli, emessi nel lontano 1968 fanno la fortuna oggi degli appassionati filatelici). All’epoca la testata tedesca Il Bild documentò le vicende di Neumann riguardo l’Isola delle Rose e, ricorda lo stesso Neumann in un’intervista per il documentario “Isola delle Rose. La libertà fa paura” numerose furono le lettere ricevute da mezza Europa con le richieste di informazioni per diventare cittadini del nuovo stato nato nell’Adriatico.

 

 

Animazione e feste sulla riva dell'Adriatico - Ph. Sante Crepaldi

Feste e animazione

Anni '60

 

Animazione e feste estive sulle rive dell’Adriatico in occasione di una delle edizioni della Traversata Pola-Cervia.

 

 

 

 

 

 

 

Tavolate allestite in acqua - Ph. Sante Crepaldi

Tavolate allestite in acqua

Anni '60

 

Una panoramica delle tavolate allestite in acqua. Funo queste iniziative, insieme a quelle organizzate dall’Amministrazione Comunale e dall’Azienda di Soggiorno, che contribuirono a promuovere e diffondere l’immagine di Cervia Milano Marittima, città vocata al turismo e al divertimento.

 

 

Autori al giardino d'estate - Ph. Sante Crepaldi

Direttore di Giardino d'estate

Primi anni '60

 

Riziero Finchi, “direttore” del Giardino d’estate con Nicola Arigliano, noto al grande pubblico come interprete di successo nel panorama della musica leggera italiana, ha riscosso nella sua lunga carriera lusinghieri apprezzamenti anche come cantante di jazz.

 

 

Arrivo di Lady Europa - Ph. Sante Crepaldi

Arrivo di Lady Europa

1968

 

Un particolare dell’entrata del giardino d’estate. Durante l’estate a Cervia si svolgevano i concorsi di bellezza come “Lady Europa”. Ideato nel 1957 il concorso non premiava soltanto le qualità estetiche ma anche doti molto più preziose come l’eleganza, lo charme, lo stile e la classe.

 

 

Esibizione dei passatori - Ph. Sante Crepaldi

Esibizione dei passatori

Anni '60

 

Sul palco esibizione di giovani cervesi (tra cui Eugenio Romagnoli) vestiti da passatore. Alle loro spalle un habitué del locale, il giornalista e presentatore televisivo della RAI, Mario Cobellini, detto anche “il duca”.

 

 

Giardino d'estate - Ph. Sante Crepaldi

Giardino d'estate

Inizio anni '60

 

Il Giovedì pomeriggio era dedicato ai bambini. Conduceva Silvio Noto, popolarissimo tra i più giovani per i programmi televisivi a quiz Teletris e Telebum.

 

 

Festa in spiaggia in onore del campione del mondo - Ph. Sante Crepaldi

Festa in onore del campione del mondo

Anni '60

 

Festa in spiaggia organizzata in onore del pugile Nino Benvenuti. Campione olimpico nel 1960, campione mondiale dei pesi medi tra il 1967 e il 1970, è stato uno dei migliori pugili italiani e uno tra gli atleti più amati dal pubblico italiano. Era solito passare le sue estati sulla riviera romagnola.

 

 

Il torero Silvano Collina - Ph. Sante Crepaldi

Il torero Silvano Collina

Anni '60

 

Silvano Collina in veste di torero alle prese con il “toro”( in realtà si trattava di una vacca romagnola) durante una delle sue particolarissime feste. Si narra che l’animale preso dall’emozione per l’eleganza della serata abbia avuto un cedimento fisiologico sporcando la sala e i commensali.

 

 

Corrida con Silvano Collina - Ph. Sante Crepaldi

Corrida con Silvano Collina

27 Agosto 1966

 

Da un giornale dell’epoca: “La corrida si annuncia quanto mai emozionante anche si lavorerà solo di ‘capa’ e ‘olè’ senza spargimento di sangue. L’intera quadriglia vestita dei più sgargianti costumi tradizionali sarà comandata dal primo ‘matador’ Silvano e si svolgerà nel piazzale antistante il Bellevue… È certo comunque che Silvano Collina con le sue estrose trovate riesce sempre a fermare l’attenzione del cronista e a guadagnarsi un po’ di spazio nelle varietà dei rotocalchi”.

 

 

Festa veneziana - Ph. Sante Crepaldi

Festa veneziana

Anni '60

 

Emblema della genialità dell’imprenditorialità romagnola, ecco una festa veneziana per allietare i clienti in hotel. Si narra che Silvano Collina fosse andato direttamente a Venezia ad acquistare una gondola originale per rendere la festa ancora più suggestiva e verosimile.

 

 

 

 

 

Avevo l’esclusiva per le fotografie e d’estate ero al Giardino ogni sera per gli scatti a turisti e cervesi. Ero conosciuto da tutti tant’è che fu coniato per me anche uno slogan ripetuto dal presentatore durante gli spettacoli: Con questi caldi, Foto Crepaldi

-Sante Crepaldi

Costume e società degli anni 60-70, negli scatti di Sante Crepaldi


Dove possiamo ammirare queste immagini?


La mostra fotografica Cervia negli anni 60 e 70 è un'esposizione permanente di scatti del fotografo storico cervese, Sante Crepaldi.
8 sezioni tematiche allestite in diversi spazi comunali:

  • Costume e società, Residenza Municipale al secondo piano (Piazza Garibaldi 1)
  • Personaggi famosi e Cantagiro del 1964, Residenza Municipale al primo piano (Piazza Garibaldi 1)
  • Paesaggio e Manifestazioni ed eventi, al Servizio Anagrafe (Via Ressi 6)
  • Sposalizio del Mare, Cervia Informa (Viale Roma 33)
  • Traversata Pola-Cervia e Circuito motociclistico di Cervia-MilanoMarittima, Palazzina Uffici Tecnici (piazza XXV Aprile)

 

Testi e immagini a cura di Foto Sante Crepaldi

Chiudi menu
Informazioni turistiche